Dom22042018

Font Size

Screen

Profile

Layout

Direction

Cpanel
Back NOTIZIE MASS MEDIA LA SENTENZA DEL TRIBUNALE DI MASSA FINISCE SU "IL SOLE 24ORE"

LA SENTENZA DEL TRIBUNALE DI MASSA FINISCE SU "IL SOLE 24ORE"

  • PDF
il-sole24ore-logo

La sentenza del Tribunale di Massa che conferma la condanna di una compagnia petrolifera -nel caso specifico la Shell- per abuso di dipendenza economica e le ordina di abbassare i prezzi dei carburanti imposti ad un suo gestore, sta via via "incuriosendo" anche l'informazione generalista.

Dopo "Il Fatto Quotidiano" e numerosi giornali on line, oggi ad occuparsi della questione, con mirabile sintesi, è il giornale della Confindustria, Il Sole 24ore, con un articolo a firma Maurizio Caprino che di seguito riproduciamo.


Concorrenza. Rapporti compagnie-gestori

Benzina, il prezzo lo fa il Tribunale

di Maurizio Caprino

Se la compagnia petrolifera fornisce prodotti ai distributori a prezzo non competitivo, commette abuso di dipendenza economica.

Lo ha stabilito il Tribunale di Massa, con la sentenza del 15 maggio che ha chiuso la causa RG n. 699/2014, respingendo il ricorso di una compagnia contro l'ordinanza 684/2014 con cui a febbraio i giudici avevano dichiarato nullo un contratto compagnia-gestore, ordinando di praticare un prezzo analogo a quello pattuito con un impianto vicino.

E il primo abuso riconosciuto da quando la norma sulla dipendenza vale per la distribuzione carburanti e, soprattutto, una "bocciatura" delle politiche scelte dalle compagnie dopo la crisi e l'avvento di pompe bianche e grande distribuzione.

Le compagnie hanno variato sensibilmente i prezzi di fornitura ai gestori, abbassandoli per le pompe che ritengono più esposte alla concorrenza e aumentandoli in quelle più "protette".

Così non è raro che impianti vicini e con stesso marchio siano approvvigionati a condizioni diverse, con effetti sui prezzi al pubblico.

L'abuso di dipendenza economica, introdotto dall'articolo 9 della legge 192/1998 per le subforniture, da due anni è previsto dall'articolo 17, comma 3, del DI 1/2012 anche per il rapporto compagnia-gestore.

I giudici di Massa lo ravvisano nella combinazione di due clausole del contratto di fornitura predisposto dalla compagnia: esclusiva dell'approvvigionamento e fatturazione volta per volta, al prezzo indicato dalla compagnia.

Mancherebbe la «possibilità di una contrattazione almeno tendenzialmente paritaria».

A riprova, la sentenza confronta l'impianto oggetto di causa con un altro di stesso marchio, distante quattro chilometri: nel primo i prezzi erano più alti e i giudici lo spiegano col maggior traffico pesante che fa ritenere che l'impianto sia in grado di "reggerli".

La compagnia aveva obiettato di avere libertà di fissare i prezzi, che il gestore ha libertà di recedere dal contratto e che i due impianti non sono concorrenti

Il Tribunale ha risposto che la libertà della compagnia ha un limite nell'abuso di dipendenza economica, che la libertà del gestore è solo teorica (essendo difficile ricollocarsi) e che è documentato che le vendite dell'impianto che aveva il prezzo più alto sono risalite quando le condizioni sono state riallineate.

Inoltre, i giudici ritengono che l'articolo 9, commi 203, della legge 192/1998 dia loro pienipoteri, sia inibitori sia risarcitori, e che il rapporto gestore-compagnia è pacificamente ritenuto parasubordinato.

Di qui la legittimità dell'ordinanza che riallinea i prezzi e accende il fronte legale di una battaglia finora rimasta sul piano sindacale.

Infatti il sindacato Fegica-Cisl considera quella di Massa una causa-pilota.


Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

50 euro

50 europistola 153x145
Li dai al benzinaio. Ma a chi gonfiano le tasche?

Platts

plattssp 153x145
Cosa si nasconde dietro la quotazione internazionale

Mercato

catenefarfalla 153x145
Tante liberalizzazioni nessuna liberalizzazione

Selfizzazione

self1
Mettono il self service e lo chiamano progresso

Pompe bianche

pompa bianca 153x145
Il segreto? Comprano in extrarete e senza esclusiva