Ven18082017

Font Size

Screen

Profile

Layout

Direction

Cpanel
Back COMUNICAZIONE COMUNICATI COORDINAMENTO UNITARIO ADS AUTOSTRADALI CHIUSE ANCHE OGGI. IN MISE DELUDE ASPETTATIVE. PRIORITÀ SONO AUMENTI PEDAGGI E PREZZI CARBURANTI

ADS AUTOSTRADALI CHIUSE ANCHE OGGI. IN MISE DELUDE ASPETTATIVE. PRIORITÀ SONO AUMENTI PEDAGGI E PREZZI CARBURANTI

  • PDF
sciopero benzinai

Comunicato stampa congiunto di Faib, Fegica e Anisa del 1 aprile 2015

SCIOPERO ADS AUTOSTRADE CONFERMATO ANCHE PER OGGI.

RIUNIONE MISE, FUORI TEMPO MASSIMO E SENZA SBOCCHI CONCRETI. GOVERNO ANNASPA NELLE PROPRIE CONTRADDIZIONI E IGNORA PRIORITA’: QUALITA’ E CONTINUITA’ DEL SERVIZIO PUBBLICO E ALTO PREZZO DI PEDAGGI, CARBURANTI E PAUSA RISTORO.

INTOCCABILI GLI INTERESSI DEI CONCESSIONARI. GESTORI PRONTI A PROCLAMARE LA TERZA TORNATA DI SCIOPERI DOPO LA PROSSIMA RIUNIONE DEL 14. .

Lo sciopero dei gestori delle aree di servizio autostradali proseguirà come previsto fino alle 24.00 di oggi.

E’ la decisione assunta dalla Organizzazioni di categoria - Faib Confesercenti, Fegica Cisl ed Anisa Confcommercio – al termine della riunione tenuta presso il Ministero dello sviluppo economico nella serata di ieri.

Riunione – si legge in una nota congiunta delle tre Federazioni – che ha replicato di fatto quella già tenuta in sede di Ministero dei Trasporti la settimana scorsa e ha ignorato i veri motivi della protesta evitando di affrontare e risolvere temi e le questioni che sono all’attenzione del Governo fin dal 2012: concorrenzialità della rete sui prodotti oil e non oil, qualità e continuità del servizio pubblico.

E’ arrivato il momento di dire chiaramente che le priorità non possono essere rappresentate dai “piani di ristrutturazione”, come pure il Governo vorrebbe lasciar credere e che pure avrebbero dovuti essere già stati realizzati entro lo scorso 15 marzo.

L’interesse di un intero settore e della collettività è quello di mettere le mani su un “sistema” perverso e torbido che, sull’utilizzo di un “bene pubblico dato in concessione”, permette di lucrare ingentissime rendite di posizione a soggetti privati, restituendo tariffe di pedaggio aumentate di quasi il 50% dalla privatizzazione ad oggi, royalty sui carburanti aumentati del 1400% nello stesso periodo – con l’effetto di avere sulle autostrade italiane i prezzi più alti d’Europa – e standard di servizio assolutamente inadeguati per varietà e qualità, mettendo a rischio la continuità del servizio oltre ai livelli occupazionali.

Per questi motivi – conclude la nota sindacale – ove la prossima riunione ministeriale già fissata per il prossimo 14 aprile non dovesse nuovamente portare a nulla, i gestori saranno pronti ad una nuova immediata proclamazione per l’effettuazione della terza tornata di sciopero.


Comunicato stampa congiunto di Faib-Fegica-Anisa del 01.4.2015.pdf


Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

50 euro

50 europistola 153x145
Li dai al benzinaio. Ma a chi gonfiano le tasche?

Platts

plattssp 153x145
Cosa si nasconde dietro la quotazione internazionale

Mercato

catenefarfalla 153x145
Tante liberalizzazioni nessuna liberalizzazione

Selfizzazione

self1
Mettono il self service e lo chiamano progresso

Pompe bianche

pompa bianca 153x145
Il segreto? Comprano in extrarete e senza esclusiva